SONO UN PROFESSIONISTA IN ODONTOIATRIA

In ottemperanza con quanto previsto dalla normativa vigente, dichiaro sotto la mia responsabilità di essere un professionista del settore odontoiatrico e di essere pertanto autorizzato a prendere visione del contenuto presente in questo sito internet.

Shelta

La doppia opzione di spira

Download

Morfologia conica

La sistematica implantologica Shelta presenta una marcata morfologia conica, che rende questi impianti particolarmente  indicati in caso di ridotti spazi inter-radicolari. La spira dell’impianto Shelta SL inoltre conferisce grande stabilità primaria nelle chirurgie post-estrattive e in caso di osso poco compatto. L’apice stondato rende questi impianti ideali per procedure di rialzo del seno.

Due opzioni di spira

L’impianto Shelta è disponibile in due versioni: quella standard, con corpo e filettatura che presentano morfologia interamente conica, e nella versione denominata “SL” (Spira Larga), che ad un corpo dell’impianto conico associa un profilo esterno delle spire cilindrico, costante lungo tutta la lunghezza dell’impianto.

Quattro diversi diametri, medesima connessione COLLEX

Gli impianti Shelta presentano un’unica connessione ad esagono interno, di diametro 3.80 mm, che rimane invariata indipendentemente dal diametro della piattaforma implantare.
I diametri implantari disponibili sono invece quattro: 3.80 mm, 4.25 mm,
5.00 mm e 6.00 mm .

Video

Intervista al Dott. Roberto Abundo

Intervista al Dott. Roberto Abundo

Shelta & Shelta SL

Shelta & Shelta SL

Applicazione dei protocolli di Switching Platform

Tutti gli impianti Shelta presentano un unico esagono di connessione, sovrastato da un collarino di supporto protesico.
Questo consente l’applicazione dei protocolli di Switching Platform, utilizzando pilastri di diametro inferiore in modo da creare un mismatching in grado di limitare la proliferazione batterica a livello della giunzione impianto/abutment, ed il conseguente possibile riassorbimento osseo.

SUPERFICIE ZirTi
I numerosi studi sulle superfici condotti da Sweden & Martina hanno portato allo sviluppo della superficie ZirTi, un substrato di ultima generazione ottenuto per sottrazione attraverso una sabbiatura con ossido di zirconio e mordenzatura con acidi minerali.
Oltre ad aumentare la superficie di contatto osso-impianto, la superficie ZirTi ha dimostrato di favorire
la proliferazione e la differenziazione cellulare durante i processi di neo-osteogenesi e di stimolare l’angiogenesi a distanza.

Kit chirurgico semplice e immediato

Il kit chirurgico Shelta è stato studiato per offrire semplicità di utilizzo ed immediatezza nella successione della sequenza degli strumenti. Le descrizioni degli strumenti serigrafate sul tray e le indicazioni che richiamano i codici colore relativi ai diversi diametri implantari rendono l’utilizzo di questo kit facile ed intuitivo.

AMPIA GAMMA DI SOLUZIONI PROTESICHE

Le protesi Shelta sono ora disponibili nei diametri 3.80, 4.25 e 5.00 mm. La comune geometria di connessione degli impianti consente inoltre di semplificare la gestione della protesi per il medico, che può così ottimizzare l’acquisto delle componenti protesiche e la scelta del diametro implantare più idoneo alle sue esigenze.

Pubblicazioni scientifiche correlate

Corrente G., Abundo R., Greppi M., Perelli M., Villa A., Castorani C.

POSIZIONAMENTO IMPLANTARE E RICOSTRUZIONE DEI TESSUTI DURI E MOLLI: UN PROTOCOLLO SEMPLIFICATO

Numeri Uno, 2013, 17:14-17

Botticelli D., Lang N., Bressan E., Corazza B., Rizzi S., Almagro Urrutia Z.

THE PLATFORM SWITCHING CONCEPT REVISITED. AN EXPERIMENTAL STUDY IN DOGS

Clinical Oral Implant Research, 2013; 00:1-7

È stato svolto uno studio istologico a 4 mesi su impianti sperimentali con un concetto rivisto di switching platform confrontati con...

Sivolella S., Bressan E., Salata L. A., Urrutia Z. A., Lang N. P., Botticelli D.

OSTEOGENESIS AT IMPLANTS WITHOUT PRIMARY BONE CONTACT: AN EXPERIMENTAL STUDY IN DOGS

Clinical Oral Implant Research, 2012; 23: 542-549

In vivo gli impianti sono stati posizionati in siti standard (Gruppo Controllo), in siti con difetti circonferenziali lievi (Gruppo Test...

Botticelli D., Lang N., Scala A., Garcia Rangel I., Schweikert M., De Oliveira J.

SEQUENTIAL HEALING OF OPEN EXTRACTION SOCKETS. AN EXPERIMENTAL STUDY IN MONKEYS

Clinical Oral Implant Research, Early View, First Published online on 2013, April 1st

Sweden & Martina ha sostenuto questa interessante ricerca sulle modalità di guarigione dell’alveolo postestrattivo....

casi clinici correlati

IMPLANTOLOGIA - RIGENERAZIONE OSSEA

Un approccio razionale alla ricostruzione dei tessuti duri e molli in un caso di grave compromissione estetica: aspetti chirurgici della rigenerazione ossea

, , , , ,

CAD-CAM - CASI CLINICI

Ponte unito ad una barra in titanio con viti passanti occlusali. Una soluzione innovativa per i pazienti edentuli. Occlussally screw-retained bridge united to a titanium bar

, ,

IMPLANTOLOGIA - CARICO IMMEDIATO

"Immediate loading" è un nuovo concetto? Low cost, high quality

,

IMPLANTOLOGIA - PROTESI IMPLANTARE

Implantoprotesi conometrica elettrosaldata chairside a carico immediato

Approfondimenti:
Implantologia a carico immediato

Iscriviti alla newsletter

Ricevi informazioni sui corsi
e sui nostri eventi

Materiale informativo per gli studi

Abbonati a NumeriUno