SONO UN PROFESSIONISTA IN ODONTOIATRIA

In ottemperanza con quanto previsto dalla normativa vigente, dichiaro sotto la mia responsabilità di essere un professionista del settore odontoiatrico e di essere pertanto autorizzato a prendere visione del contenuto presente in questo sito internet.

Casi clinici

Gorni F.

Implantologia - TECNICA B.O.P.T.

Gli impianti hanno oggi assunto un ruolo preminente nella sostituzione dell’elemento dentale singolo compromesso. Questa nuova esigenza clinica, ha sviluppato una visione implantare molto più sofisticata dal punto di vista protesico, in linea con le mutate esigenze estetiche del paziente, il quale richiede di ricevere un restauro che si integri perfettamente nel contesto dentale come avverrebbe normalmente per una corona eseguita su un pilastro naturale.

Cabanes Gumbau G.

Implantologia - TECNICA B.O.P.T.

Il concetto B.O.P.T. (Biologically Oriented Preparation Technique) sviluppato dal Dott. Loi durante la sua lunga esperienza clinica e pubblicato nel 2008, costituisce senza dubbio una realtà nella modellazione e conservazione dei tessuti molli perimplantari.
Più di recente si è iniziato a utilizzare questa filosofia nel mondo dell’implantologia attraverso l’elaborazione di pilastri implantoprotesici senza linea di finitura e utilizzando impianti progettati in maniera specifica per questa tecnica, come l’impianto PRAMA.

Loi I., Pintucci F.

Implantologia - TECNICA B.O.P.T.

Il Ruolo del collo dell'impianto Prama

Loi I., Pintucci F.

Implantologia - TECNICA B.O.P.T.

Il paziente maschio di 47, non fumatore, si presenta in studio con gravi lesioni cariose destruenti a carico dell’arcata mascellare. Il gruppo frontale, precedentemente restaurato con corone in oro resina e ancora in discreto stato di salute, presenta disallineamento delle parabole.

Figliuzzi M.

Implantologia - TECNICHE CHIRURGICHE

Le tecniche chirurgiche messe a punto per l’inserimento degli impianti si sono diversificate nel tempo, in seguito alla crescente richiesta da parte dei pazienti di una riabilitazione attenta alla funzione ma anche all’estetica, con una minima invasività chirurgica.

Gherlone E.

Implantologia - TECNICHE CHIRURGICHE

L’innovativa connessione DAT (Double Action Tight) è una connessione interna caratterizzata da un doppio principio conico. 

Corrente G., Abundo R., Lombardo S., Perelli M., Sarmiento H., Fiorellini J.

Implantologia - TECNICHE CHIRURGICHE

Un approccio razionale alla ricostruzione dei tessuti duri e molli in un caso di grave compromissione estetica: aspetti chirurgici della rigenerazione ossea con biomateriali, colla di fibrina e membrana di collagene cross-linked

Csonka M.

Implantologia - TECNICHE CHIRURGICHE

La riabilitazione dei mascellari edentuli con protesi avvitate implanto-supportate a carico immediato è diventata, negli ultimi anni, una metodica di utilizzo routinario.

Canullo L.

Implantologia - PLATFORM SWITCHING

Le esigenze estetiche contemporanee impongono al clinico una immediata riabilitazione in caso di estrazione nei settori antero-superiori. In questi casi, il trattamento implantare risulta oggi una valida alternativa alla protesi fissa tradizionale poichè non comporta la preparazione di denti.

Gherlone E.

Implantologia - PLATFORM SWITCHING

L’innovativa connessione DAT (Double Action Tight) è una connessione interna caratterizzata da un doppio principio conico. 

Approfondimenti:
Implantologia a carico immediato

Iscriviti alla newsletter

Ricevi informazioni sui corsi
e sui nostri eventi

Materiale informativo per gli studi

Abbonati a NumeriUno